Case di moda inglesi: le più famose

0
83
case-di-moda-inglesi

Case di moda inglesi: le più famose del momento, nel post a cura di Lusso Mag

Da qualche anno a questa parte, anche l’Inghilterra vuole dire la sua per quanto riguarda le ultime tendenze sul fronte fashion. Oltre ad organizzare ogni anno una delle fashion week più attese in assoluto, la London Fashion Week per l’appunto, il paese britannico è sede di case di moda inglesi famose.

Quali sono queste realtà?

In questo post a cura di Lusso Mag e dedicato alle maison che hanno fatto la storia della moda, vediamo insieme quali sono i marchi britannici più famosi, scoprendo le loro storie uniche e l’impatto che hanno avuto sulla moda internazionale. Bentornati sul nostro portale!

Burberry

Fondata nel 1856 da Thomas Burberry, questa storica etichetta è celebre per il suo inconfondibile trench coat e il classico motivo a quadri. Burberry è sinonimo di un’eleganza intramontabile, che combina l’alta sartoria con l’innovazione nei tessuti.

La casa di moda inglese continua a essere un punto di riferimento per chi cerca capi sia funzionali che di tendenza.

Alexander McQueen

Lanciata nel 1992 da Lee Alexander McQueen, questa casa di moda è nota per il suo approccio provocatorio e spesso teatrale alla moda. Le collezioni di Alexander McQueen sono famose per la loro drammaticità e per l’uso audace di materiali insoliti, combinando l’alta sartoria con elementi di arte contemporanea.

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood è spesso accreditata per aver portato la moda punk e new wave nelle strade della Londra degli anni ’70. Dal lancio della sua prima boutique, la Westwood ha continuato a influenzare la moda con il suo stile ribelle e i suoi impegni ambientali.

Le sue collezioni sono un inno alla creatività non convenzionale e a un attivismo appassionato.

Stella McCartney

Lanciata nel 2001, Stella McCartney è rinomata per il suo approccio alla moda sostenibile e cruelty-free. Il brand non utilizza, infatti, pelli o pellicce nei suoi prodotti, dimostrando che è possibile creare lusso senza sacrificare gli standard etici.

Le sue collezioni combinano, quindi, femminilità moderna con un forte impegno per l’ambiente.

Paul Smith

Fondata nel 1970, Paul Smith ha portato un tocco di eccentricità britannica nel tradizionale mondo della sartoria. Conosciuto per il suo “classico con un twist”, Paul Smith mescola l’eleganza britannica con sprazzi di colori vivaci e stampe insolite, rendendo ogni capo giocoso e sofisticato.

Mulberry

Fondata nel 1971 nel Somerset, Mulberry è celebre principalmente per la produzione di borse e accessori in pelle di alta qualità.

Il marchio è sinonimo di artigianalità e di uno stile senza tempo, con pezzi che diventano spesso icone di stile, come la borsa “Bayswater”, amata per la sua eleganza e funzionalità.

Temperley London

Alice Temperley ha fondato Temperley London nel 2000, guadagnandosi in poco tempo una buona reputazione per le sue collezioni femminili e romantiche.

I suoi abiti, spesso adornati con ricami dettagliati, sono amati dalle celebrities e dalle donne in cerca di un tocco di glamour sofisticato.

Jimmy Choo

Lanciato nel 1996, Jimmy Choo si è rapidamente affermato come una delle principali marche di scarpe di lusso al mondo.

Fondato dal designer di scarpe malese Jimmy Choo e dalla redattrice di moda britannica Tamara Mellon, il marchio è celebre per i suoi design sofisticati, l’elegante artigianato e l’inconfondibile appeal sexy, diventando ben presto un must-have sul red carpet e anche citato in numerose serie televisive.

Erdem

Erdem Moralioglu ha lanciato il suo marchio, appunto Erdem, nel 2005, diventando famoso per i suoi abiti femminili con stampe floreali e dettagli elaborati.

La sua abilità nel mescolare pattern audaci con tessuti di alta qualità gli ha fatto guadagnare l’ammirazione sia della critica che del pubblico, rendendo il suo marchio sinonimo di sofisticata bellezza romantica.

J.W. Anderson

Jonathan Anderson ha fondato J.W. Anderson nel 2008. Il suo marchio è conosciuto per la sua estetica unica che sfida i generi, incorporando elementi maschili e femminili in modi innovativi.

Il brand ha da sempre un approccio sperimentale al design moda, spesso esplorando le tensioni tra forma e funzione, oltre che giocando con le strutture tradizionali dei capi.

Conclusioni

Queste case di moda inglesi non solo hanno influenzato il panorama della moda made in UK, ma hanno anche lasciato un’impronta indelebile sulla moda in generale.

Ognuna con la propria visione unica, queste maison hanno contribuito a definire cosa significa veramente essere alla moda nel contesto moderno, influenzando con il proprio lavoro e con le proprie collezioni, designer e appassionati di moda provenienti da tutto il mondo.

Se desideri esplorare l’eccellenza sartoriale o l’innovazione stilistica, le case di moda britanniche offrono una varietà e una profondità senza pari.