I trattamenti per tornare in forma

0
190
tornare in forma foto

Tornare in forma è un obiettivo di tutti. Soprattutto quando si deve far colpo su una persona che ci piace o, comunque, quando si è reduci da un periodo di ferie come nel caso di Pasqua e Natale.

Ci sono, però, dei trattamenti che consentono di tornare a una forma fisica più che accettabile. 

Ecco quali sono nelle righe a seguire, nel nuovo post a cura del nostro portale. Bentornati!

Onda Coolwaves

Onda Coolwaves è un trattamento innovativo, che sfrutta le microonde per penetrare nella pelle e  contrastare l’adipe e il grasso in eccesso. Anche nelle zone più visibili e più difficili da modellare, come l’interno braccia, l’interno coscia o la zona del sotto mento.  

È una tecnologia che fa della sicurezza e dell’innovazione il suo punto di forza. Anche perché viene utilizzata per dire addio all’adiposità localizzata: praticamente, tutto il grasso in eccesso che si concentra in una particolare zona del corpo.

È efficace perché il riscaldamento che fa ‘sciogliere’ il grasso è controllato. Questo significa che il macchinario agisce a livello più o meno profondo senza danneggiare in alcun modo i tessuti superficiali. 

In più, è un trattamento che, contrastando l’adipe, agisce anche sulla cellulite, cancellando fastidiosi buchi o avvallamenti. 

Un vantaggio è quello che, togliendo il grasso in eccesso, la pelle si tonifica, risultando automaticamente più giovane e compatta. Onda Coolwaves può essere effettuato in vari periodi dell’anno e bastano poche sedute per ottenere i primi risultati. Non ci sono, inoltre, particolari controindicazioni.

Schwarzy

Schwarzy è il sistema ideale per tonificare i muscoli. Attraverso la tecnologia FMS (acronimo di ‘Focused Magnetic Stimulation’, tradotto in italiano con ‘Stimolazione Magnetica ad Alta Intensità’), la stimolazione avviene in maniera profonda e in punti ben precisi. L’obiettivo è quello di aumentare, in maniera graduale organica, la massa muscolare dei punti su cui si utilizza Schwarzy: dai glutei all’addome passando per le gambe e le braccia. 

Tanto efficace quanto semplice da usare. Infatti, applicando due manipoli sull’addome (giusto per fare un esempio) per circa 20 minuti, avvengono delle contrazioni in maniera mirata. Ciò, inoltre, riduce notevolmente il tessuto adiposo. Oltre che, ovviamente, tonificare i muscoli. 

Il vantaggio più grande, però, è l’elevata personalizzazione del trattamento. Si può scegliere sia la zona specifica da trattare che il programma specifico con cui agire. Definizione, massa o aerobica che sia.

Avere i muscoli come si desiderano: con Schwarzy è possibile.

Aqualyx

È più facile a farsi che a spiegarsi. Il trattamento Aqualyx ha il compito di ridurre il numero e il volume delle cellule adipose che sono presenti in una particolare zona del corpo. Il suo utilizzo avviene attraverso dei principi attivi che Pasquale Motolese, vicepresidente della Società Italiana di Chirurgia Estetica e Medicina, nonché inventore di Aqualyx, ha saputo ben mixare.  

È formato da dei composti a base vegetale che, poi, vengono trattati in laboratorio. Lo scopo è quello di far rompere le cellule adipose per poi dare il compito al fegato di eliminare tutti gli acidi grassi presenti. 

Rispetto a qualche altro sistema in voga, chi utilizza Aqualyx non ha bisogno di fare delle sedute post trattamento. Sì perché sarà l’organismo a provvedere all’eliminazione del grasso. Essendo un trattamento così poco invasivo, sta riscuotendo un notevole successo. 

C’è da dire, però, che Aqualyx, così come qualsiasi altro trattamento medico estetico, non può essere sostituito a uno stile di vita sano e attivo.
In effetti, i risultati più soddisfacenti si ottengono quando il paziente non è troppo fuori forma e quando si abbina alle sedute delle sessioni di allenamento e un’alimentazione bilanciata. 

Controindicazioni? In realtà nessuna, ci sono piuttosto di piccoli effetti secondari che consistono in leggeri rossori sull’area trattata, destinati a scomparire nell’arco di qualche giorno.